Questa undicesima edizione di HANDImatica si colloca in un contesto di “innovazione istituzionale” dove si sono verificati cambiamenti molto significativi che interessano il mondo della disabilità e il ruolo delle tecnologie digitali nel rapporto con il contesto del lavoro.

Giovedì – 30 novembre  ore 14,30 – 17,30 Laboratorio

Le tecnologie avanzate sono “prescrivibili”: gli scenari aperti dal nuovo Nomenclatore degli ausili

Si inizia il “tour” in HANDImatica con il seminario del giovedì, nell’ambito del quale si presenta il nuovo strumento del Nomenclatore Tariffario, che per la prima volta contiene una 40ina di tecnologie assistive. Curato dalla rete dei Centri Ausili (GLIC) a cui partecipa anche ASPHI ed in particolare la rappresenta nell’ambito dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, descrive la situazione normativa e come le persone con disabilità possono accedere ad ausili utili nel mondo del lavoro

Giovedì – 30 novembre  ore 18,30 – 22,30 Serata in HANDImatica

Disabilità e questione di genere: tecnologie, pari opportunità e lavoro

Sempre giovedì, nella “serata di HANDImatica” si approfondisce il tema delle donne con disabilità
che vivono una condizione di discriminazione multipla: come donne condividono la mancanza di pari opportunità che prevale nella nostra società e come persone con disabilità soffrono di restrizioni e limiti alla partecipazione sociale. Non è questa una mera sommatoria di discriminazioni, quanto piuttosto una loro moltiplicazione: non godono di pari opportunità né rispetto alle altre donne, né rispetto agli uomini con disabilità.
Secondo ISTAT lavora solo il 35,1% delle donne con limitazioni funzionali, invalidità o malattie croniche gravi, a fronte del già limitato 52,5% degli uomini nelle stesse condizioni.

Venerdì – 1 dicembre  ore 10,30 – 17,30

Giornata di aggiornamento / formazione sul disability management ad iscrizione obbligatoria
Persone con disabilità e lavoro: una parte del futuro

E siamo alla giornata di venerdì. Le recenti modifiche della legge 68/99 sull’inclusione lavorativa pongono l’attenzione sulla figura del disability manager, chiamato a gestire in forma sempre più completa ed efficace le persone disabili in azienda.
La riflessione sul tema dell’inclusione lavorativa, quindi sugli aspetti organizzativi interni aziendali, sul “welfare aziendale” nonché anche su quello “territoriale”, l’importante tema degli adattamenti ragionevoli nonché quelli tecnologici, si intrecciano in questa edizione di HANDImatica 2017, fornendo ai visitatori una serie di opportunità di approfondimento nella giornata di venerdì con una iniziativa formativa intensa ma pensiamo molto utile ai partecipanti Sono previsti crediti ECM

Venerdì – 1 dicembre ore 18,30 – 22,30 Serata in HANDImatica

La fibromialgia: impatto sociale e lavorativo, l’aiuto dei fattori ambientali

Le “serata di HANDImatica” di venerdì approfondisce una situazione di patologia all’attenzione delle istituzioni, per l’intensità dello svantaggio che colpisce chi ne soffre. In particolare le donne (rapporto 9 a 1 con gli uomini) e molte in età di vita professionale che spesso abbandonano a causa delle limitazioni funzionali che ne derivano. Una serata comunque molto di interesse anche nelle modalità in cui si svolge.

Sabato – 2 dicembre ore 10,00 – 12,30

Robotica, lavoro e disabilità: lo stato dell’arte per guardare al futuro

Infine il sabato con un laboratorio innovativo che tratta il tema della robotica e la diffusione di questa tecnologia nel mondo del lavoro: dobbiamo approfondire questo ambito per fare in modo che possa diventare una opportunità per il futuro.

 

Sabato – 2 dicembre  ore 10,00 – 12,30

Laboratorio di stimolazione grammaticale e comprensione del testo rivolto a persone sorde adulte

Il secondo laboratorio di sabato è riservato alle persone adulte con sordità, in particolare coloro che lavorano o cercano una occupazione. Obiettivo del laboratorio è mostrare ai partecipanti come sia possibile lavorare per una comprensione di tutte le informazioni trasmesse dalla frase e dal testo, sia a livello lessicale che grammaticale, senza necessità di ricorrere alla mediazione linguistica o all’intervento di terzi. Il laboratorio è a iscrizione obbligatoria con mail: lablogogenia@asphi.it

 

RITORNA al “Programma

I commenti sono chiusi.